NUTRIZIONE: bicarbonato e sport - Omeopatia pura
Alcune considerazioni sul bicarbonato di sodio in relazione alla performance sportiva e ai suoi effetti collaterali.
22339
single,single-post,postid-22339,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-1.7.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
omeopatia

AGGIORNAMENTI

NUTRIZIONE: bicarbonato e sport

Per lavorare correttamente i muscoli hanno bisogno di un ambiente favorevole che non sia, in altre parole, troppo acido. L’acidità di una soluzione è data dalla concentrazione di ioni idrogeno (pH) presenti nella stessa. La scala del pH è logaritmica e va da un valore di 0 (molto acido) a un valore di 14 (molto alcalino). Il pH 7 è un pH neutro. In condizioni di riposo il pH muscolare è vicino al 7, il sangue ha un pH che va dal 7,35 al 7,45.

Quando cominciamo a fare esercizio fisico i muscoli, contraendosi, cominciano a usare il glicogeno muscolare per produrre energia. Più duramente ci alleniamo più il glicogeno muscolare viene “bruciato” con meccanismo anaerobio (in assenza di ossigeno) con la produzione di acido lattico e acido piruvico.

Questi acidi contengono ioni idrogeno (H) che, immessi nell’ambiente, abbassano il pH facendolo diventare più acido. Quando il pH del muscolo scende al di sotto del valore 6,5 vengono inibiti alcuni enzimi necessari all’uso del glicogeno (una delle nostre fonti energetiche) e viene inibita l’azione contrattile delle fibre di cui il muscolo è composto.

Ricordate che più l’esercizio è anaerobio più rapido sarà l’accumulo di sostanze acide all’interno dei muscoli e più rapidamente arriverete ad esaurimento.

Per scongiurare questo problema la natura ci ha dotati di un naturale sistema tampone rappresentato per circa il 95% da carnosina, fosfato e bicarbonato.

SUPPLEMENTAZIONE CON BICARBONATO DI SODIO E PERFORMANCE

Benchè il bicarbonato di sodio assunto per via orale non raggiunga le cellule muscolari non essendo in grado di superare la membrana cellulare, in realtà esso gioca un ruolo determinante nell’ abbassare l’acidità ematica e muscolare.

Studi risalenti al 1980 ci dicono che quanto più il pH del sangue diventa alcalino introducendo bicarbonato per bocca, tanto più si crea un gradiente tra muscolo e sangue che “aiuta” il muscolo ad espellere il suo carico acido.

Molti studi scientifici si sono interrogati circa la quantità da assumere, la sua tempistica e per quale tipo di esercizio fosse più utile. Gli atleti in quasi tutti gli studi sono stati supplementati con alte dosi di bicarbonato per bocca (200-300mg/Kg) e l’esercizio al quale sono stati sottoposti era di tipo aerobio con sprint finale massimale (anaerobico = alta produzione di scorie acide). I risultati sono stati a favore dell’uso di bicarbonato in quanto mostravano un miglioramento della performance sportiva. Uno degli effetti avversi di maggiore rilevanza è stata una diarrea profusa, sperimentata da quasi il 50% degli atleti.

Conclusioni:

L’uso di bicarbonato per bocca è sconsigliato perchè:

  • Quando lo si introduce per bocca neutralizza la fisiologica acidità gastrica causando fastidiosi sintomi gastrici (produzione di gas ed eruttazioni)
  • Quando termina l’effetto di “tampone” a livello gastrico, l’acidità aumenta oltre ai valori normali con azione di rimbalzo causando bruciori e rari casi di ulcere peptiche.
  • Ogni 20g di bicarbonato apportiamo 5 g di sodio al nostro corpo, il che non rappresenta una scelta sana anche se non soffriamo di ipertensione.
  • Volete alcalinizzare il vostro sangue? Optate allora per carichi di verdura a foglia verde, riducete le proteine e i prodotti di origine animale, le farine e i cerali raffinati, lo zucchero bianco e tutti i cibi spazzatura. Come integrazione si può optare per Sali di bicarbonato (es: bicarbonato di sodio, bicarbonato di potassio, carbonato di magnesio, carbonato di calcio) e integrate la vostra dieta con piccoli dosaggi (circa 4/8g al giorno) scelti a seconda del vostro peso, della vostra attività fisica e delle vostre condizioni di salute. Non dimenticate infine che il limone spremuto e diluito con acqua è un ottimo basificante, ma bevetelo con la cannuccia per non rovinare lo smalto dei denti.

Bibliografia:

– Optimum sports nutrition; M.Colgan