tonsillite e omeopatia: seconda parte - Omeopatia pura
22351
single,single-post,postid-22351,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-1.7.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
omeopatia

AGGIORNAMENTI

tonsillite e omeopatia: seconda parte

La tonsillite è un processo infiammatorio a carico delle tonsille. Le tonsille appaiono ingrossate (ipertrofia) ed infiammate.

È spesso associata a malattie infiammatorie della faringe e della gola.

Elenco di alcuni rimedi utili:

  • Apis: mal di gola bruciante (meno freq. pungente), marcato arrossamento. Faringite migliorata da bevande fredde. Gonfiore all’ugola (simile ad una borsa) e alle tonsille. Mucosa rosso acceso e lucida.
  • Miglioramento: cibi e bevande fredde. Poca sete o assenza di sete.
  • Generale: febbre alta, calore secco alternato a brividi. Febbre con alternanza di sudorazione e calore secco.
  • Aggravamento: calore e stanze calde. Bevande calde.
  • Gola: dolore, infiammazione, principalmente lato destro. Ulcerazione della gola.
  • Argentum metallicum: ma di gola spesso cronico con muco che drena in gola. Dolore quando tossisce. Faringite o laringite
  • .Generali: raucedine in artisti e cantanti.
  • Aggravamento: espirando, deglutendo, sbadigliando.
  • Argentum nitricum: dolori a fitte simili a schegge. Ulcerazione in gola. Tonsillite.Peggioramento: inalalndo aria sopra i punti escoriati. Deglutendo.Muco denso in gola, si schiarisce spesso la gola.
  • Spesso accompagnato da laringite e raucedine. Raucedine in cantanti. Perdita completa della voce.
  • Miglioramento: bevande fredde, aria fredda.
  • Gola: dolore aggravato sul lato destro.
  • Arsenicum album: dolore bruciante in gola. Presenza di piccole ulcerazioni e vescicole. Afte brucianti. Dolore bruciante che impedisce di mangiare. Ulcerazione della gola che si estende a tutto il tratto gastroenterico.
  • Aggravamento: freddo e bevande fredde. Infiammazione marcata sebbene il gonfiore sia lieve. Lingua ricoperta da una patina bianco-latte.
  • Generali: paziente freddoloso, ansioso ed irrequieto.
  • Ulcere brucianti della bocca e della gola.
  • Miglioramento: caldo e bevande calde.
  • Gola: dolore bruciante sul lato destro, migliorato dal calore.
  • Baptisia: infiammazione non dolorosa della faringe e delle tonsille. Utile in casi di difterite che ne ricalchino le modalità. Deglutizione difficile.Bocca maleodorante, lingua sporca, ulcerata.
  • Stati settici con faccia arrossata. Rapida comparsa di uno stato settico. Il paziente si presenta ottuso e confuso. Torpore mentale.
  • Gola: tonsille e ugola ingrossate di color rosso cupo o color porpora.
  • Baryta carbonica: tonsillite cronica e ricorrente specialmente nei bambini. Infiammazione cronica delle tonsille con marcato gonfiore, le tonsille possono quasi occludere la gola.
  • Aggravamento. Di notte, parlando.Trisma.Linfonodi cervicali ingrossati e duri.
  • Perdita dell’udito a causa di enormi tonsille e adenoidi.
  • Dolore o bruciore che impedisce la deglutizione di qualunque solido. Utile in caso di ascesso peritonsillare.
  • Marcato dolore alla deglutizione soprattutto a vuoto.
  • Gola: tonsille enormemente ingrossate anche se l’infiammazione appare lieve.
  • Baryta muriatica: tonsille enormemente gonfie ed infiammate. Tonsille spesso suppurate. Miglioramento: bevande fredde.I disturbi sono quasi sempre accompagnati da linfonodi gonfi e dolorosi. Linfonodi sotto-mandibolari ingrossati.
  • Ugola allungata.
  • Gola: dolore e gonfiore spesso peggiore sul lato destro. Sensazione di nodo alla gola che impedisce di deglutire.
  • Bromium: faringite e tonsillite a sinistra. Laringe infiammata.
  • Aggravamento: con il caldo o durante il periodo estivo.
  • Generale: gonfiore e indurimento delle ghiandole(sottomascellari, cervicali). Linfonodi cervicali duri come un sasso, gonfi.
  • Gola: rossore simile ad un reticolo. Escoriazione e muco nelle vie aeree.
  • Bryonia: mal di gola dopo aver preso freddo.Aggravamento: qualsiasi movimento (deglutire, tossire e parlare).Marcata sete, irritabilità, desiderio di essere lasciato solo.
  • Generale: insorgenza lenta e febbre alta. Secchezza di tutte le mucose
  • Gola: faringe di color rosso scuro, lingua ricoperta da una patina bianca o brunastra. Lingua secca.
  • Calcarea carbonica: faringite e tonsillite ricorrente con marcato gonfiore dei linfonodi.Linfonodi cervicali duri e dolenti.
  • Generale: freddoloso, sudaticcio, lavora sino all’esaurimento e alla malattia.
  • Aggravamento: clima freddo, cambiamento di clima, clima umido.
  • Causticum: mal di gola associato a laringite.Generale: freddoloso e peggiorato dal freddo. Preferisce e migliora con il tempo nuvoloso, umido e piovoso
  • Muco in laringe o faringe con costante desiderio di schiarirsi la gola. Desiderio costante di deglutire. Raucedine, peggiorata dal raffreddore, peggiorata al mattino, peggiorata dall’uso eccessivo della voce, migliorata da bevande fredde.
  • Chamomilla: faringite o tonsillite con dolore auricolare. Rimedio utile nei bambini piccoli. Irritabilità. Una guancia rossa e l’altra pallida. Anormalmente sensibile al dolore. Avversione ad essere toccato.
  • Aggravamento: deglutendo e visitando la gola.
  • Miglioramento: calore e bavande calde.

bibliografia:

  • manuale guida ai sintomi chiave e di conferma, R.Morrison
  • materia medica omeopatica sinottica, F. Vermeulen
  • manuale di terapia omeopatica, R.Morrison
  • omeopatia, T.De Chirico